Mia madre e miei fratelli sono coloro che accolgono e fanno il Verbo di Dio

Da sempre più tempo comincio a prendere consapevolezza che occorre recuperare per la Fede una centratura in Cristo, una centratura cristologica, un nuovo cristocentrismo teologico, esegetico, orante, contemplativo che oggi si va sempre più annacquando e diluendo in una fede "parolistica", ambigua, fondata sempre più sulla verbosità, sulla parola dell'uomo e non sull'uomo-Dio.

Noi cattolici, infatti, non crediamo nella parola di Dio, in un Dio parola, in un Dio fatto parola, ma in Cristo, unigenito e coeterno Figlio di Dio Padre, generato e non creato della stessa sostanza del Padre, che è disceso dal cielo e,  per opera dello Spirito Santo, si è incarnato nel grembo di Maria Vergine.
Occorre mettere al bando l'ipostatizzazione della "parola di Dio" (con la p minuscola) per recuperare una visione personalistica del Verbum Dei, del Verbo di Dio fatto carne.

Cristo non è parola, è Verbum, è Λόγος (Ἐν ἀρχῇ ἦν ὁ Λόγος, καὶ ὁ Λόγος ἦν πρὸς τὸν Θεόν, καὶ Θεὸς ἦν ὁ Λόγος/In principio erat Verbum et Verbum erat apud Deum et Deus erat Verbum Gv 1,1), è il Figlio.

Tutto ciò che dice e che fa va osservato e compreso nell'orizzonte della Sua Persona e non semplicemente nell'imitazione di quanto dice e fa.
«Questo è l’occulto e orrendo veleno della tua dottrina: che fai consistere la grazia nell’imitazione di Cristo e non nel dono della sua persona».
Sant'Agostino (cfr. contra Iulianum, Opus imperfectum)

Cristo non ci dona un esempio da seguire, non ci chiede semplicemente di imitarlo in parole e opere.
Cristo ci chiede infinitamente di più, di essere in comunione con Lui, di essere in Lui.

Altrimenti le sue parole e le sue opere sarebbero una ulteriore mediazione tra noi e Lui, una barriera invalicabile tra noi e Dio.

Egli stesso per farci capire ciò ha istituito la Santissima Eucaristia dandoci Sé Stesso nella pienezza del Suo Corpo, del Suo Sangue, della Sua Anima, della Sua Divinità.

ὁ δὲ ἀποκριθεὶς εἶπεν πρὸς αὐτούς· Μήτηρ μου καὶ ἀδελφοί μου οὗτοί εἰσιν οἱ τὸν λόγον τοῦ θεοῦ ἀκούοντες καὶ ποιοῦντες.
Lc 8,21

Questo passo è nella quasi totalità delle volte tradotto con "mia madre e i miei fratelli sono coloro che ascoltano la mia parola e la mettono in pratica". Credo non ci sia niente di più fuorviante che tradurre in quel modo questo passo. Riflettendo durante un viaggio in treno sull'originale greco mi sono accorto che questo passo letto sacramentalmente ha un significato molto più profondo.

Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano/accolgono e fanno il Logos/Verbo di Dio».
Lc 8,21

Sua Madre è Maria colei che ha accolto il Verbo di Dio in sé e l’ha portato e generato nella carne.

Chi sono i suoi fratelli?  Gli apostoli, i futuri vescovi, futuri "transustanziatori" del pane in Verbo di Dio, in corpo e sangue di Cristo. In loro sono e saranno amici e fratelli di Cristo tutti coloro che continueranno questa opera di attivi co-operatori, di "fattori" del Verbo di Dio.

La Fede cristiano-cattolica è sacramentale, è eucaristica, o non è.

Marzo 16, 2020
Preghiera per la Comunione spirituale

Facebook Twitter Linkedin VKontakte Gesù mio,  io credo che sei realmente presente  nel Santissimo Sacramento. Ti amo sopra ogni cosa  e ti desidero nell' anima mia.  Poiché ora non posso riceverti  sacramentalmente, vieni almeno spiritualmente  nel mio cuore. Come già venuto,  io ti abbraccio e tutto mi unisco a te; non permettere che mi abbia mai  […]

Marzo 18, 2019
Grazia o non Grazia... Questo è il problema

Facebook Twitter Linkedin VKontakte Stamane, spinto dal bisogno del perdono divino, mi son recato in una delle tante chiese della mia città, in una di quelle dove so per esperienza che qualche prete ancora esercita il suo ministero di confessore. Come spesso capita, mi son dovuto e voluto confessare di peccati frequenti, e che più […]

Maggio 8, 2017
La presenza reale di Cristo è il cuore della Chiesa, il cuore della Scrittura, della Tradizione, del Magistero

Facebook Twitter Linkedin VKontakte La persona del Figlio, la presenza reale del Figlio, in Corpo, Sangue, anima e divinità è il cuore pulsante della Tradizione, il cuore della Dottrina, il cuore della predicazione, il cuore della Scrittura. Ciò non è, né sarà mai possibile metterlo in un angolo, considerarlo secondario. Gesù Cristo, presente realmente in […]

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti per ricevere la rassegna settimanale, rimanere aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità editoriali.


Le nostre rubriche

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito! facebook-square linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram