Grazia, amore e paradiso, doni minori del Figlio

Insieme col Figlio ci ha donato ogni bene: la sua grazia, il suo amore e il paradiso; poiché tutti questi beni sono certamente minori del Figlio: «Egli che non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi, come non ci donerà ogni cosa insieme con lui?
Sant'Alfonso Maria De Liguori

La salvezza dell'anima, il paradiso, la grazia di Dio sono doni minori del Figlio.
A tutti gli effetti è una affermazione paradossale.
La forza di questo paradosso, come tutti i paradossi di Cristo, sta nella sua essenzialità, nella centratura fortemente cristologica, nel suo cristocentrismo.
Dire infatti che il paradiso, la grazia, la salvezza sono doni minori del Figlio, significa affermare che tutti questi doni sono da comprendere, leggere e interpretare alla luce del Figlio, come doni del Figlio, ma soprattutto come doni che si hanno nel Figlio e per il Figlio.
La salvezza, il paradiso, la grazia, l'amore di Dio sono dati in Cristo, per Cristo e con Cristo.

Raggiungere, essere giunti, essere portati in paradiso significa di fatto ricevere pienamente ed esser pienamente assimilati nel Figlio, all'intero della vita amicale, fraterna, amorevole, sponsale, pienamente comunionale di Dio che è Padre, Figlio e Spirito Santo.

Partecipare pienamente della Vita.

«Chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno» (Gv 11,25s). «Io vivo e voi vivrete», dice Gesù ai suoi discepoli durante l’ultima cena (Gv 14,19), mostrando con ciò ancora una volta che per il discepolo di Gesù è caratterizzante che egli «vive» – che egli quindi, al di là del semplice esistere, ha trovato ed abbracciato la vera vita, della quale tutti sono in ricerca. In base a tali testi, i primi cristiani si sono chiamati semplicemente «i viventi» (hoi zōntes). Essi avevano trovato ciò che tutti cercano: la vita stessa, la vita piena e perciò indistruttibile.
Ma come si può giungere a ciò? La Preghiera sacerdotale dà una risposta forse sorprendente, ma nel contesto del pensiero biblico già preparata: la «vita eterna» l’uomo la trova mediante la «conoscenza» – presupponendo con ciò il concetto veterotestamentario di «conoscere», secondo cui conoscere crea comunione, è un essere tutt’uno con il conosciuto. Ma naturalmente non qualunque conoscenza è la chiave della vita, bensì il fatto «che conoscano te, l’unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo» (17,3). Questa è una specie di formula sintetica della fede, nella quale appare il contenuto essenziale della decisione di essere cristiani – la conoscenza donata a noi dalla fede. Il cristiano non crede una molteplicità di cose. Crede, in fondo, semplicemente in Dio, crede che esiste solo un unico vero Dio.
Questo Dio, però, gli si rende accessibile in Colui che Egli ha mandato, Gesù Cristo: nell’incontro con Lui avviene quella conoscenza di Dio che diventa comunione e con ciò diventa «vita». Nella formula duplicata – «Dio e colui che ha mandato» – si può sentire l’eco di ciò che ricorre molte volte soprattutto negli oracoli del Signore presenti nel Libro dell’Esodo: devono credere in «me» – in Dio – e in Mosè, il suo inviato. Dio mostra il suo volto nell’inviato – in definitiva nel Figlio suo.
«Vita eterna» è quindi un avvenimento relazionale. L’uomo non l’ha acquisita da sé, per se soltanto. Mediante la relazione con Colui che è Egli stesso la vita, anche l’uomo diventa un vivente.

Benedetto XVI - Gesù di Nazaret vol. **

Marzo 16, 2020
Preghiera per la Comunione spirituale

Facebook Twitter Linkedin VKontakte Gesù mio,  io credo che sei realmente presente  nel Santissimo Sacramento. Ti amo sopra ogni cosa  e ti desidero nell' anima mia.  Poiché ora non posso riceverti  sacramentalmente, vieni almeno spiritualmente  nel mio cuore. Come già venuto,  io ti abbraccio e tutto mi unisco a te; non permettere che mi abbia mai  […]

Marzo 18, 2019
Grazia o non Grazia... Questo è il problema

Facebook Twitter Linkedin VKontakte Stamane, spinto dal bisogno del perdono divino, mi son recato in una delle tante chiese della mia città, in una di quelle dove so per esperienza che qualche prete ancora esercita il suo ministero di confessore. Come spesso capita, mi son dovuto e voluto confessare di peccati frequenti, e che più […]

Maggio 8, 2017
La presenza reale di Cristo è il cuore della Chiesa, il cuore della Scrittura, della Tradizione, del Magistero

Facebook Twitter Linkedin VKontakte La persona del Figlio, la presenza reale del Figlio, in Corpo, Sangue, anima e divinità è il cuore pulsante della Tradizione, il cuore della Dottrina, il cuore della predicazione, il cuore della Scrittura. Ciò non è, né sarà mai possibile metterlo in un angolo, considerarlo secondario. Gesù Cristo, presente realmente in […]

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscriviti per ricevere la rassegna settimanale, rimanere aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità editoriali.


Le nostre rubriche

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito! facebook-square linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram